Storie, luoghi e persone che accendono la passione per l'auto

Torino, Col De Turini, Cannes: 3 giorni con la Abarth 695 70° Anniversario

La scoperta di luoghi, di strade, la velocità, il rombo di un motore. I viaggi on the road sono sempre carichi di un pizzico di magia, un miscuglio di aria frizzante del mattino e di tramonto che si rispecchia sull’asfalto. 

Leggi tutto

La storia della 500 Abarth

La storia di Karl Abarth è una favola moderna dell’automobilismo, quella di una passione che nasce dalle corse e travasa nelle automobili stradali. Non molto diversa da quella di un tale Enzo Ferrari.

Karl (Carlo, per noi) nasce a Vienna nel 1908 (anche se con origini altoatesine) e sviluppa fin da subito la passione per i motori. Comincia a lavorare per la scuderia Motor Thun (costruttore di moto) dove ben presto si fa notare per le sue capacità tecniche e di pilota. In occasione del Gran Premio d'Austria, Karl sostituisce uno dei piloti (malato) e fa registrare subito il miglior tempo.

Wiesmann: la sportiva tedesca dal fascino british

Anche solo conoscere il marchio Wiesmann significa appartenere a una nicchia ristretta. Bisogna essere quel tipo di persona che ama le auto sportive di un certo tipo, rare, Morgan e TVR-like, ma anche stilose e retrò. Non sto delirando: l’azienda Wiesmann Auto-Sport - fondata dai fratelli Wiesmann in Germania nei primi anni Novanta - costruisce auto artigianali e con un design ispirato alle sportive inglesi Cinquanta, come le Morgan, le Jaguar e le Austin Healey.

Horacio Pagani e la sua opera di nome Zonda

La storia si ripete, in un ciclo infinito. Tale Ferruccio Lamborghini, un giorno, acquistò una Ferrari e ne rimase deluso, così decise di costruirsi una propria auto, e così nacque una delle Case automobilstiche più famose del mondo.

Tutte le auto di 007

“Agente Bond, lei che cosa guida?” No, non perdete tempo a tirare a indovinare, non è la citazione di uno dei film di 007: è quello che chiederei a James se fossi un personaggio dei suoi film. Perché, intendiamoci, Bond non è il solito eroe serio e forzuto, ma un uomo di classe che indossa Omega Seamaster, che beve Vokda Martini agitato ma non mescolato, ma soprattutto che guida auto raffinate. Una persona con cui tutti noi faremmo volentieri quattro chiacchiere riguardo alle auto. Anche perché James, essendo un personaggio inventato e impersonato da diversi attori, è riuscito a guidare quanto di meglio offrisse l’automobilismo dal 1962 ai giorni nostri.

Leggi tutto