• Jeep Renegade 4xe plugin hybrid grigia tre quarti dal basso
  • Jeep Renegade 4xe plugin hybrid grigia faro posteriore
  • Jeep Renegade 4xe plugin hybrid grigia interni
  • Jeep Renegade 4xe plugin hybrid grigia acqua offroad
  • Jeep Renegade 4xe plugin hybrid grigia
  • Jeep Renegade 4xe plugin hybrid grigia tre quarti laterale
  • Jeep Renegade 4xe plugin hybrid grigia sedile
  • Jeep Renegade 4xe plugin hybrid grigia 4
  • Jeep Renegade 4xe plugin hybrid grigia 2
  • Jeep Renegade 4xe plugin hybrid grigia 3
  • Jeep Renegade 4xe plugin hybrid grigia volante
  • Jeep Renegade 4xe plugin hybrid grigia trail rated
  • Jeep Renegade 4xe plugin hybrid grigia profilo
  • Jeep Renegade 4xe plugin hybrid grigia frontale
  • Jeep Renegade 4xe plugin hybrid grigia posteriore
  • Jeep Renegade 4xe plugin hybrid grigia tre quarti anteriore
  • Jeep Renegade 4xe plugin hybrid grigia cofano
  • Jeep Renegade 4xe plugin hybrid grigia frontale lontano
  • Jeep Renegade 4xe plugin hybrid grigia profilo sfuocato
  • Jeep Renegade 4xe plugin hybrid grigia tre quarti dall alto
  • Jeep Renegade 4xe plugin hybrid grigia sigla 4xe
Test-drive

Jeep Renegade 4Xe: l'ibrida plug-in dalla doppia anima

di Francesco Neri
12-Nov-2020

La Jeep Renegade è un modello che “buca lo schermo”, come si dice in linguaggio televisivo. L’entry level della gamma Jeep, nata nel 2014, riprende il nome della vecchia Renegade (la fuoristrada V8 rude e rumorosa), ma si presenta come una SUV compatta, vivace ed esuberante, perfetta per i centri urbani e capace di fare anche del gran fuoristrada.

La versione 4Xe fa esplodere ancora di più le qualità della Renegade, rendendola capace di viaggiare in modalità completamente elettrica in città e più capace di prima nei terreni accidentati.

Questo grazie al motore elettrico da 60 Cv che muove le ruote posteriori senza l’ausilio di un albero di trasmissione, risultando più veloce e preciso di un sistema 4X4 tradizionale, e al 1,3 turbo benzina da 190 Cv: la potenza totale è di 240 Cv. In città, però, la 4Xe è in grado di farvi viaggiare nel silenzio più totale senza consumare una goccia di carburante.

Fuoristrada da città

Poche auto sono state capaci di cambiare l’immagine di un brand, e la Renegade è una di queste. Il suo design è così riuscito che non sembrano passati sei anni dal suo lancio. La sagoma verticale e squadrata, i fari a “X” posteriori, e la griglia anteriore con i tipici listelli, la rendono riconoscibile in una frazione di secondo, anche al buio o nascosta sotto un telo.

È evidente che la Renegade è una Jeep all’italiana, dall’abito giovanile e dai dettagli stilosi da scoprire, come il motivo disegnato della griglia e dei fari che compare quasi ovunque.

Anche all’interno troviamo una spiccata personalità, con delle forme voluminose che riprendono lo stile della carrozzeria, un volante bello tornito e una maniglia dal lato passeggero che le conferisce un’aria più da fuoristrada. Un design che non si prende troppo sul serio, tondeggiante e giocoso, ma con materiali di qualità.

Lo spazio ricavato dai 4,24 metri di lunghezza è più che buono, anche per quattro passeggeri. Perde qualcosa in termini di bagagliaio (circa 20 litri), ma la capacità di carico di 330 litri (1.277 litri con i sedili posteriori abbattuti) è più che sufficiente.

Potenza pulita

Essendo una ibrida plug-in, la Jeep Renegade 4Xe ha una batteria piuttosto capiente (11,4 kwh e 400 Volt) posizionata sotto il pianale, ed  è in grado di percorrere 50 km in modalità elettrica. Questo la rende perfetta in città, dove sempre più nei centri storici (e in tratti ben più ampi) possono circolare solo auto che producono zero emissioni. Il motore turbo benzina da 180 Cv viene affiancato a due motori elettrici, uno più piccolo all’anteriore, e uno posteriore più potente da 60 Cv e ben 250 Nm di coppia a cui è affidato il compito di muovere le ruote posteriori.

La potenza totale del propulsore diventa così di 240 Cv (nelle versioni S e Trailhawk), 190 Cv nelle versioni più tranquille. La potenza è tanta, anche considerando i 200 kg in più sull’ago della bilancia dovuti alle batterie. Le prestazioni della Renegade 4Xe infatti sono davvero buone: scatta da 0-100 km/h in 7,1 secondi e tocca i 200 km/h di velocità massima. In modalità elettrica, invece, raggiunge i 130 km/h.

Alla guida della 4Xe

I primi metri al volante della Jeep Renegade 4Xe trascorrono in quasi totale silenzio, con un sibilo simile a quello di un caccia stellare di Star Wars. L’auto si avvia sempre in modalità Hybrid, quella che gestisce al meglio la carica della batteria e il motore termico per garantire i consumi più bassi possibili. Il volante leggero e la seduta alta rendono la Renegade 4Xe perfetta per la città, ma anche tra le curve ci si può divertire.

Quando la potenza dei due motori si somma, la spinta dei 240 Cv si fa immediata e corposa, e la Renegade guadagna velocità con facilità sorprendente, soprattutto in modalità Sport.

Il cambio risulta dolce e all’altezza delle aspettative, e il bilanciamento neutro in curva rende l’auto molto divertente da strapazzare. Insomma una ibrida che non disdegna nemmeno la guida sportiva, se proprio ne sentite la voglia.

Tornando alla tranquillità e all’ecologia, volendo si può forzare l’utilizzo del motore elettrico con la modalità “EV”, oppure utilizzare la modalità “E-Save” per salvare (o addirittura immagazzinare) energia elettrica da sfruttare in un secondo momento, come in un centro urbano con zona traffico limitato a veicoli elettrici. In modalità Hybrid l’auto utilizza quasi sempre l’energia del motore elettrico posteriore, che con 60 Cv e 250 Nm di coppia spinge la Renegade 4Xe con disinvoltura. Anche quando si viaggia in tangenziale a velocità costante il motore termico si spegne, viene chiamato a lavorare giusto quando si insiste di più con il pedale dell’acceleratore. In questo modo i consumi si riducono in maniera rilevante e si raggiungono anche i 30 km/l.

Certo, se si utilizza l’auto per meno di 50 km si può viaggiare senza consumare una goccia di benzina, a patto di ricaricarla “alla spina”.

Se si sceglie di ricaricare l’auto durante la marcia tramite la modalità “E-Save”, infatti, il motore termico lavora il doppio (deve muovere la macchina e fornire energia alla batteria) e i consumi si impennano. In questa modalità è difficile stare sopra gli 11 km/l, in città anche sotto gli 8-9. La carica della batteria può essere recuperata anche frenando, tramite l’e-cast (rilasciando l’acceleratore l’auto veleggia e recupera energia), ma occorre molto tempo. I tempi di ricarica alla presa di corrente, invece, variano dalle 2 ore (con ricarica veloce da 7 kw) alle 3,5 ore (con la ricarica da 3 kw).

Verdetto

La Jeep Renegade 4Xe è un’ibrida sofisticata, in grado di viaggiare a zero consumi ed emissioni in città e di fornire prestazioni interessanti e un gran piacere di guida sulle strade impegnative. Inoltre, grazie a una razione integrale resa possibile dal motore elettrico, la 4Xe è anche un’ottima fuoristrada, capace di spingersi dove la maggior parte delle B-SUV possono solo sognare. Per chi utilizza l’auto prevalentemente in città, la 4Xe risulta una valida alternativa alla versione diesel, a patto di aver una presa per ricaricarla.

Prezzo e costi

La nuova Jeep Renegade 4Xe è disponibile negli allestimenti Limited, S e Trailhawk, tutti con con   trazione integrale (eAWD) e cambio automatico a sei rapporti. La fascia di prezzo della Jeep enegade 4Xe ibrida plug-in in Italia va da 38.500 arriva fino a 41.500.